mercoledì 6 maggio 2009

Punti di vista (ancora) sul Requiem di Mozart

A: Cosa te n’è parso di quest'interpretazione del Requiem?

L’incontentabile: Non mi sono entusiasmato, ma il coro (della Radio Svedese) è una meraviglia, se poi smussasse qualche spigolo, sarebbe la perfezione.

A: Sì, il coro è stato ottimo. Hai notato lo strano effetto di risonanza (tipo cassa armonica) che riuscivano a creare? Io non l'avevo mai sentito prima.

L’incontentabile: Abbado è strano, fa benissimo certe cose (l’Oro supplex, alla fine del Confutatis) ma sembra distratto nell’unico pezzo tutto scritto da Mozart, l’Introitus, e poi inserisce Sanctus e Benedictus che sono bruttini e sproporzionati, uno cortissimo l’altro lunghissimo, e quella fuga sull’Osanna cui hanno messo mano un po’ tutti e non si capisce più cosa sia. Non è stata un’interpretazione particolarmente intensa…

A: Sul non particolarmente intensa sono d'accordo: è come se Abbado guardasse a una certa distanza senza esser mai lasciarsi troppo coinvolto dalla musica, carenza d’immedesimazione o poca emotività (se non in qualche raro momento, come nel Lacrimosa)...

L’incontentabile: Ma tutto sommato, la sua non è una lettura solenne e questo può bastare. La perfezione sarebbe un’esecuzione intensa come quella di Bernstein e raccolta come quella di Abbado.

A: Cosa ne faresti del Sanctus e del Benedictus che non contengono neanche una riga mozartiana?

L’incontentabile: Semplicemente li ometterei, conseguendo così due scopi: non eseguire due pagine decisamente deboli e stilisticamente lontane dal resto (per motivi, questi si, opposti); restituire un’immagine di incompiutezza di cui chi ascolta tende ormai a non essere più consapevole. Il luogo vero in cui il Requiem esiste è nell’abbozzo. E quella versione che è in grado di farci scoprire quanta violenza, quanto stupore e quanta dolcezza ci sia già nel frammento, è la più vicina all’ideale: ascoltare il Requiem dentro di sé, interiormente, seguendo solo ciò che Mozart è riuscito a scrivere nell’incompleta partitura.

Qui un link per farsi un'idea del torso
Posta un commento
 
Licenza Creative Commons
Questo blog di Benedetta Saglietti e Liana Puschel è sotto Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

I materiali sono pubblicati a scopo di studio, critica e discussione, senza finalità commerciali, e saranno rimossi su richiesta del proprietario del copyright.

Any material on these pages is included as "fair use", for the purpose of study, review and critical analysis, and will be removed at the request of copyright owner.