lunedì 18 maggio 2009

A Kandinsky piace Schönberg

Per Wassily Kandinsky fu davvero fatale quel 1° gennaio 1911 quando in «un inedito concerto» ascoltò un quartetto per archi e alcuni pezzi per pianoforte di Arnold Schönberg: una musica che esprimeva un' idea d' arte condivisa. Qualcosa di analogo avviene nel 1917. Stavolta fra Stravinsky e Picasso. Occasione d' intesa, i danzatori russi. «Già da alcuni anni i loro percorsi artistici si erano intrecciati, come due grandi colonne autonome, ma appartenenti allo stesso tempio», spiega Paolo Repetto nel suo libro. Naturalmente le coppie creative si sprecano. In taluni casi i rapporti sono espliciti; in altri, ipotizzati. Come fra Nicolas Poussin e Francesco Cavalli, probabile allievo di Claudio Monteverdi, attratti dal mito di Orione e autori di versioni, diverse ma non opposte, del tragico destino del mortale amato da Artemide.

La visione dei suoni. Arte-Musica, di Paolo Repetto. Il melangolo, pp. 168, 16
Benvenuto Beppe
25 gennaio 2009, p. 33, Corriere della Sera
Posta un commento
 
Licenza Creative Commons
Questo blog di Benedetta Saglietti e Liana Puschel è sotto Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

I materiali sono pubblicati a scopo di studio, critica e discussione, senza finalità commerciali, e saranno rimossi su richiesta del proprietario del copyright.

Any material on these pages is included as "fair use", for the purpose of study, review and critical analysis, and will be removed at the request of copyright owner.