domenica 8 febbraio 2009

Innamorati della cultura

«Un quartiere fatto di case e qualche servizio essenziale si chiama "quartiere dormitorio". Ciò che trasforma un luogo in cui "si dorme" in un luogo in cui "si vive" è la condivisione di un patrimonio culturale: questo hanno capito tutte le civiltà, dagli antichi greci ad oggi. In questo periodo di grandi difficoltà finanziarie la cultura sembra un bene superfluo, ma difendere la cultura significa difendere la nostra identità e riconoscere la nostra storia come esseri umani».

Questo l'incipit del manifesto di "Innamorati della Cultura", iniziativa torinese scaturita dall'incontro tra l'assessore regionale alla Cultura Gianni Oliva e oltre 400 operatori culturali piemontesi. Le necessità delle nuove politiche culturali in tempo di crisi impongono di - dice Gianni Oliva - «sforzarsi di trovare modelli che, a fronte di risorse ridotte, permettano di mantenere un livello di qualità, di coniugare al meglio l'offerta con la domanda, di trasformare le associazioni in imprese culturali».

Nel primo pomeriggio incontro in Piazza Carignano, dove sarà possibile firmare per testimoniare la propria presenza e sostenere l'iniziativa, con spettacoli di musica, teatro, danza, teatro di strada nelle piazze e sotto i portici cittadini. In serata biblioteche, archivi, musei, teatri e gli altri luoghi della cultura saranno aperti e "animati" da incontri e spettacoli.

In occasione e a sostegno dell'iniziativa Innamorati della cultura il 14 febbraio 2009 alle ore 18, al Museo Nazionale del Cinema (Mole Antonelliana) nell'Aula del tempio, il complesso da camera "7/8" dell'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai suonerà musiche tratte da colonne sonore di celebri film, arrangiate da Andrea Ravizza. Ingresso libero.

Il Teatro Regio aderisce alla iniziativa INNAMORATI DELLA CULTURA di sabato 14 febbraio, giornata di sensibilizzazione ai valori della cultura, proponendo un concerto sinfonico e una intera giornata di visite guidate al teatro, con possibilità di assistere alle attività produttive del teatro, tra cui le prove del concerto e di spettacoli di danza e alcuni concerti di gruppi da camera.

Alle ore 20.30, concerto dell’Orchestra del Teatro Regio insieme a quella degli Studenti del Conservatorio “G. Verdi”, dirette da due direttori che si alterneranno sul podio: in programma, musiche immortali di Rossini, Schubert e Beethoven. Il programma del Concerto prevede in apertura la Sinfonia da L’italiana in Algeri, di Gioachino Rossini e opera prossimamente in scena al Regio. Seguirà la Sinfonia in si minore D. 759 ("Incompiuta") di Franz Schubert, in chiusura la Sinfonia n. 7 in la maggiore op. 92 di Ludwig van Beethoven.
Le attività della giornata al Regio sono tutte a ingresso libero. Per assistere al concerto si potrà entrare in Teatro a partire dalle ore 20 e fino a esaurimento dei posti disponibili.

L'invito è a partecipare a questa e alle altre numerose iniziative del 14 Febbraio, testimoniando quanto la cultura sia importante nella vita di ognuno.

Per il programma completo della manifestazione abicidi.it

B. S.

Posta un commento
 
Licenza Creative Commons
Questo blog di Benedetta Saglietti e Liana Puschel è sotto Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

I materiali sono pubblicati a scopo di studio, critica e discussione, senza finalità commerciali, e saranno rimossi su richiesta del proprietario del copyright.

Any material on these pages is included as "fair use", for the purpose of study, review and critical analysis, and will be removed at the request of copyright owner.