sabato 27 giugno 2009

Maurizio Pollini un clavicembalo pieno di fantasia

Dopo 24 anni Maurizio Pollini è tornato a suonare Il clavicembalo ben temperato di Bach, sempre solo il primo libro di 24 preludi e fughe in tutte le tonalità maggiori e minori, quelle appunto ottenute dal cosiddetto temperamento cui Bach edificò un capolavoro didattico ed esecutivo. Tocca sempre reinventarlo al pianoforte, giacché la «tastiera» per cui fu pensato includeva oltre al cembalo anche l’organo. L’approccio di Pollini sembra oggi più libero che nell’85, fantasioso nella scelta dei tempi, flessibile nelle articolazioni interne: in una parola più cantabile.
Impresa ardua, che richiede enorme concentrazione all’interprete e al pubblico, il Clavicembalo bachiano non può essere restituito sempre al medesimo livello, qui decisamente alto con momenti folgoranti, come l’ascesi del Preludio in do diesis minore, con mezze tinte magiche, o con la prodigiosa differenziazione fra le voci nel Preludio in mi minore. In alcuni casi, come il Preludio in fa diesis maggiore, Bach suona stupendamente barocco, in altri pare di ascoltare Schumann che guarda a Bach, altrove balugina Chopin . Non tutte le fughe hanno la medesima chiarezza, ma il giorno dopo si vorrebbe riascoltare tutto da capo. Grandi feste, e, in quinta, l’abbraccio di Barenboim a Pollini.

Milano, Teatro La Scala
Giangiorgio Satragni

La Stampa, 25 giugno 2009, p. 42 Articolo originale
Posta un commento
 
Licenza Creative Commons
Questo blog di Benedetta Saglietti e Liana Puschel è sotto Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

I materiali sono pubblicati a scopo di studio, critica e discussione, senza finalità commerciali, e saranno rimossi su richiesta del proprietario del copyright.

Any material on these pages is included as "fair use", for the purpose of study, review and critical analysis, and will be removed at the request of copyright owner.