lunedì 26 gennaio 2009

A chi interessa la vita sessuale di Schubert?

La domanda sembra una provocazione, e invece non lo è. Mi è capitato di leggere più e più volte, casualmente, degli interventi su questo tema, da parte di persone "del mestiere". Il terzo articolo che incontro nel giro di breve tempo conferma il mio stupore: ecco allora una recensione di Davide Daolmi al libro di Sergio Sablich su Schubert, l'abstract (sul Timeshighereducation) del 16esimo International Congress of the International Musicology Society tenutosi a Londra nel settembre 1997, (un altro sito ancora che riprende la discussione) e un intervento di Rita Steblin sul New York Times Review of Books (in particolare la risposta di Charles Rosen, che non le manda certo a dire). Musicologi statunitensi che si sfidano a colpi di sciabolate!
Posta un commento
 
Licenza Creative Commons
Questo blog di Benedetta Saglietti e Liana Puschel è sotto Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

I materiali sono pubblicati a scopo di studio, critica e discussione, senza finalità commerciali, e saranno rimossi su richiesta del proprietario del copyright.

Any material on these pages is included as "fair use", for the purpose of study, review and critical analysis, and will be removed at the request of copyright owner.