martedì 3 luglio 2012

Gli spazi della musica, rivista open access di musicologia e culture comparate

E' nata una nuova rivista open access di ricerca musicologica e culture comparate pubblicata presso l'Università degli Studi di Torino – Dipartimento di Studi Umanistici (StudiUm).

Il primo numero si trova qui.

Questo è il manifesto


La musica risuona nello spazio, e in esso vive. A sua volta lo spazio, risonante, vive nella musica: questa lo misura e ne definisce i contorni. 
La rivista «Gli spazi della musica» intende studiare l’incidenza della musica sulle altre discipline, esplorandone i rapporti e ripensandone i confini; il punto di partenza sarà la ricerca musicologica in una prospettiva di studio interdisciplinare. I principali ambiti di riferimento saranno la comparatistica, la drammaturgia musicale, gli studi sull’interpretazione e quelli di genere. 
«Gli spazi della musica» si articola in due sezioni. La prima, dedicata ai Saggi, comprende due tipi di interventi: i Ricercari ad argomento libero, proposti dai collaboratori, si configurano come contributi di ampio respiro dedicati ad argomenti fondamentali della ricerca; le Variazioni, sviluppate a partire da un tema generale proposto di volta in volta, sono destinate all’ampliamento delle conoscenze su argomenti specifici. La seconda sezione ospita invece gli Strumenti, ovvero testi più agili e di taglio didattico-divulgativo. Scopo degli Strumenti è la trattazione sintetica di un singolo aspetto della storia, dei generi, della critica e della prassi musicale. GliStrumenti non avranno un’organizzazione fissa, ma costituiranno la parte variabile della rivista. 

Entrambe le sezioni si caratterizzano per la ricerca originale degli scritti e l'attenzione a un costante aggiornamento delle fonti. Ogni contributo è inoltre corredato di etichette (tag) relative al tipo di contenuti, così da offrire ai lettori la possibilità di svolgere ricerche, semplici e incrociate, in base alle categorie di riferimento degli argomenti trattati.

La pubblicazione affianca tipi di periodicità differente a seconda delle sezioni. I contributi afferenti all’ambito dei Saggi, ovvero dei Ricercari e delle Variazioni, avranno cadenza semestrale coincidente con l’edizione elettronica dei fascicoli della rivista; gli Strumenti saranno resi disponibili a cadenza variabile, appena ottenuta l’approvazione del comitato di redazione. Gli articoli saranno presentati in doppio formato – html per la lettura in linea e pdf, ovvero impaginati e pronti da scaricare e stampare.

Posta un commento
 
Licenza Creative Commons
Questo blog di Benedetta Saglietti e Liana Puschel è sotto Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

I materiali sono pubblicati a scopo di studio, critica e discussione, senza finalità commerciali, e saranno rimossi su richiesta del proprietario del copyright.

Any material on these pages is included as "fair use", for the purpose of study, review and critical analysis, and will be removed at the request of copyright owner.