giovedì 10 maggio 2012

Presenze acustiche al Conservatorio di Torino

Al Conservatorio di Torino oggi e domani, giovedì 10, venerdì 11 maggio, fino alla chiusura del Conservatorio

Suoni vivi cominciano a farsi spazio con discrezione nella sala, una massa sonora s'intensifica con andamento ondulatorio trasformandosi in un vortice. Eccoci parte di un’opera di sound art che si nutre della nostra stessa presenza nello spazio: l’evento sonoro, di cui siamo al tempo stesso compositori, spettatori ed esecutori, viene registrato dai microfoni e poi selezionato, elaborato e diffuso dagli altoparlanti, rinnovandosi di continuo. 
Lo spazio diventa così uno strumento che gli spettatori modificano, percorrono e "suonano". Ogni nuova presenza influisce su questo ecosistema sonoro, sviluppandosi attraverso un principio di feedback controllato, in un equilibrio d’interazioni continue tra noi e l’ambiente acustico.

Realizzazione degli studenti della Scuola di Musica elettronica del Conservatorio di Torino: Giacomo Albert, Amedeo Casella, Carlo Barbagallo, Francesco Bianchi, Salvatore Livecchi, Antonella Labozzetta, Alessandro Merlo, Vera Scarpaci 

Docenti: Andrea Agostini e Stefano Bassanese
Posta un commento
 
Licenza Creative Commons
Questo blog di Benedetta Saglietti e Liana Puschel è sotto Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

I materiali sono pubblicati a scopo di studio, critica e discussione, senza finalità commerciali, e saranno rimossi su richiesta del proprietario del copyright.

Any material on these pages is included as "fair use", for the purpose of study, review and critical analysis, and will be removed at the request of copyright owner.